Articoli

Misure per persone e famiglie in difficoltà

di Ofelia Oliva

Esaminiamo le principali misure (bonus, agevolazioni, riduzioni, esenzioni, sconti, ecc) adottate dal Governo per l’anno 2020 in favore delle persone e delle famiglie in difficoltà.

Esenzione Canone Rai over 75 anni

Si tratta di una esenzione che prevede un requisito di età e di reddito.
Infatti, i cittadini che hanno compiuto 75 anni ed il cui reddito annuo  (proprio e del coniuge) non supera gli 8.000 euro, senza conviventi titolari di un reddito proprio possono presentare una dichiarazione sostitutiva con cui attestano il possesso di questi requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV. Dai conviventi sono esclusi i collaboratori domestici, colf e badanti che, quindi, anche se conviventi non si considerano.
L’agevolazione compete per uno o più apparecchi televisivi nell’abitazione di residenza, non compete per l’apparecchio televisivo ubicato in luogo diverso da quello di residenza.

Agevolazioni per i servizi di rete fissa-Telecom (Servizio Universale)

Si tratta di esenzioni a cui hanno diritto chi ha un reddito familiare basso o chi ha una disabilità. Ogni utente ha diritto ad essere connesso alla rete fissa. Il Servizio Universale è l’insieme dei servizi messi a disposizione di tutti gli utenti finali a un livello qualitativo stabilito e a un prezzo accessibile, indipendentemente dalla posizione geografica. La disciplina del Servizio Universale è definita dal Codice delle comunicazioni elettroniche (artt. 43-64).

Bonus telecom per reddito

Ne hanno diritto i nuclei familiari che hanno un ISEE familiare non superiore a 8.112,23 euro all’anno e comporta una riduzione del canone Telecom del 50% che consente di far scendere la spesa mensile da euro 19 ad euro 9,5. Inoltre sono previsti anche 30 minuti gratuiti al mese di telefonate verso tutte le numerazioni nazionali fissi e mobili. Possano essere attivate soluzioni “unbundle”: servizi scollegati da ogni altro. In pratica l’utente, così l’utente cha ha attive altre offerte TIM può ugualmente ottenere la sola fonia in modo da usufruire dell’agevolazione.
L’agevolazione è valida anche per i nuclei familiari di anziani al di sopra dei 75 anni, per i percettori di pensioni sociali o di invalidità e per i capifamiglia disoccupati.
L’agevolazione ha una durata pari alla scadenza di validità dell’attestato ISEE, il 15 gennaio dell’anno successivo al rilascio dell’attestato, il rinnovo dell’agevolazione è annuale.
TIM ha esteso l’agevolazione del 50% anche al servizio di accesso ad internet a banda larga – offerta internet Alice (connessione 7 mega Adsl).

Bonus telecom per utenti affetti da sordità

Ne hanno diritto e sono esenti dal pagamento del canone di abbonamento al servizio telefonico due categorie di soggetti:
⁃ gli abbonati residenziali sordi
⁃ gli abbonati residenziali nel cui nucleo familiare sia presente un soggetto sordo,
La domanda per l’agevolazione va presentata dall’utente all’operatore che fornisce il servizio al momento della sottoscrizione del contratto o in qualsiasi momento successivo del rapporto contrattuale, allegando la certificazione medica rilasciata dalla competente autorità sanitaria pubblica comprovante la sordità. Nel caso in cui la domanda sia presentata da un utente convivente con il soggetto che ne ha diritto deve essere depositata anche la certificazione relativa alla composizione del nucleo familiare.
L’agevolazione ha effetto dal giorno di presentazione della domanda completa della documentazione richesta e resta valida per tutta la durata del rapporto contrattuale. L’utente contraente è tenuto a comunicare immediatamente all’operatore che fornisce il servizio la data in cui il soggetto avente diritto alla agevolazione abbia eventualmente cessato di far parte del nucleo familiare

Agevolazioni per i servizi di rete fissa per persone con disabilità

Riconoscendo che il telefono è uno strumento di comunicazione e di soccorso per le persone con disabilità, Gli operatori che offrono servizi voce e servizi di trasmissione dati da postazione fissa, riconoscono agli utenti sordi, ciechi totali e ciechi parziali, ovvero agli utenti nel cui nucleo familiare sia presente un soggetto sordo, cieco totale o cieco parziale, a prescindere dalla tecnologia e dalla velocità di connessione prescelte dal richiedente, una riduzione del 50% del canone mensile per tutte le offerte flat e semiflat voce e dati e per le offerte di sola navigazione ad internet o la fruizione di almeno 180 (centottanta) ore mensili gratuite di navigazione internet per tutte le proprie offerte di accesso ad internet a consumo.
La domanda per l’agevolazione va presentata dall’utente all’operatore che fornisce il servizio al momento della sottoscrizione del contratto o in qualsiasi momento successivo del rapporto contrattuale, allegando la certificazione medica rilasciata dalla competente autorità sanitaria pubblica comprovante la sordità, la cecità totale e parziale. Nel caso in cui la domanda sia presentata da un utente convivente con il soggetto che ne ha diritto deve essere depositata anche la certificazione relativa alla composizione del nucleo familiare.
L’agevolazione ha effetto dal giorno di presentazione della domanda completa della documentazione richesta e resta valida per tutta la durata del rapporto contrattuale. L’utente contraente è tenuto a comunicare immediatamente all’operatore che fornisce il servizio la data in cui il soggetto avente diritto alla agevolazione abbia eventualmente cessato di far parte del nucleo familiare
il Legislatore ha previsto l’esenzione dal pagamento della tassa di concessione governativa sui telefoni cellulari ed una riduzione del 50% sul canone delle offerte flat internet e telefono oppure la fruizione di almeno 180 ore gratis al mese per le offerte internet a consumo.

I Bonus previsti o confermati per il 2020 sono molti e coprono diversi ambiti, da quello sanitario, tra cui l’esenzione ticket sanitario per reddito e disoccupazione e l’abolizione del superticket sanitario, all’ambito della casa o ancora altri

Tra i più diffusi rientrano:
Ecobonus: detrazioni o sconti pari al 65% o al 50% per chi effettua interventi di risparmio energetico, è prevista una spesa massima di 100 mila euro;
Bonus ristrutturazione: detrazioni del 50% per un massimo di spesa di 96 mila euro;
Bonus verde: detrazione del 36% per riqualificazione urbana su interventi di privati su terrazzi, balconi e giardini;
Bonus finestre e infissi: con detrazione o sconto fino al 50%, da utilizarsi come ecobonus o bonus ristrutturazioni;
Bonus mobili: detrazione pari al 50% per la spesa sostenuta per acquistare mobili o elettrodomestici.
Bonus affitto 2020: è una agevolazione concessa tramite bando emesso dai Comuni, possono parteciparvi i cittadini che rientrano in determinate soglie Isee e se la casa in affitto è l’abitazione principale. Le detrazioni fiscali previste variano in base al tipo di contratto e alle caratteristiche dell’affittuario.
Bonus libri 2020: è una agevolazione pensata per i nuclei familiari svantaggiati che consiste nella istituzione della Carta della Cultura del valore di 100 euro con cui il titolare potrà acquistare libri, anche in versione digitale, da utilizare entro un anno dal suo rilascio.


Leggi altri articoli: